Principi Biocentrico

Il principio Biocentrico si ispira all’intuizione dell’universo organizzato in funzione della vita e consiste in una proposta di riformulazione dei nostri valori culturali che prende come referente il rispetto per la vita.

Il principio Biocentrico propone il potenziamento della vita e l’espressione dei suoi poteri evolutivi. Biodanza è, sotto questo punto di vista, è una poetica del vivente, fondata sulle leggi universali che conserva e permette l’evoluzione della vita. Tutte le azioni di Biodanza si orientano in accordo con il fenomeno profondo e commovente della vita.

Biodanza impiega una metodologia di vivencias, dando enfasi all’esperienza vissuta, più che alle informazioni verbali, permette di iniziare la trasformazione interna senza l’intervento dei processi mentali di repressione.

Partecipiamo al pensiero visionario di Alberto Schweitzer: “meditando sulla vita, sento l’obbligo di rispettare qualunque volontà della vita intorno a me, per essere uguale alla mia”.

L’idea fondamentale del bene è che questo consiste nel preservare la vita, favorendola e conducendola al suo valore più alto; e che il male consiste nell’inquinare la vita, ferirla, mettere limiti alla sua fioritura.

Il principio Biocentrico focalizza la sua attenzione in un universo concepito come un sistema vivente. Il regno della vita comprende molto più che i vegetali, gli animali e l’uomo. Tutto ciò che esiste, dai neutrini ai quasar, dalla pietra al pensiero più sottile, fa parte del prodigioso sistema vivente.

Secondo il principio Biocentrico l’universo esiste affinché esista la vita e non il contrario. Il modello teorico di Biodanza fu ispirato a partire da esperienze cliniche effettuate con malati psichici. Nel 1965, essendo membro docente del Centro di Studio di Antropologia Medica della Scuola di Medicina dell’Università del Cile, realizzai le prime ricerche con musica e danza nell’Ospedale Psichiatrico di Santiago.

I modelli scientifici sono in continua evoluzione.

Il confronto permanente del modello con la realtà dei fatti implica continui aggiustamenti di minore o maggiore portata.

Il modello tolemaico fu sostituito da quello Keplero e Galileo; fu poi perfezionato da Newton, e in seguito, da Einstein, Eddington e altri.

Il modello teorico della Biodanza ha subito modifiche nel corso di quarant’anni di confronto con la realtà. Abbiamo affinato al terminologia e abbiamo scoperto nuove relazioni tra emozioni e salute. Ciononostante mantiene la sua struttura originale.

Nel corso del tempo ho potuto osservare con precisione le reazioni neurovegetative, le modifiche dei comportamenti e i cambiamenti dello stile di vita. Abbiamo misurato il rendimento psicomotorio, neurovegetativo, endocrino e immunitario. Lo studio sistematico del processo evolutivo degli alunni, secondo le cinque linee di potenziale umano, è stato la nostra principale preoccupazione. Il modello teorico della Biodanza è attualmente molto sofisticato e permette l’applicazione non solo a persone normali, ma anche a malati con diversi quadri clinici.

Newsletter

Eventi

Novità

Contatto

Segretari amministrativi IBF

  • AMÉRICA
    ADRIÁN SCALISE
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • EUROPA, AFRICA Y ASIA
    GIORGIO BONOLI
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sei qui: Home Biodanza Principi Biocentrico